Rassegna stampa 2010

In 2009 I reported from Puglia, the southerly region that forms the 'heel' of Italy's boot-shaped outline, where I had spent a week judging wines at the Radici Festival. The festival puts the focus on native grapes, and I was honoured to be invited back to judge at the Radici competition again this year, spending three days in Puglia judging wines made from varieties including Negroamaro, Nero di Troia and Bombino. Information on the Festival, as well as a full list of this year's winning wines, can be found on the Radici Festival website.

Parli Primitivo?

It is fair to say that the most serious and dedicated producers would never dream of re-naming their native grape as Zinfandel: they are immensely proud of Primitivo, and perfectly willing to let it fight its own corner. On this visit, I took in three of Primitivo's most passionate advocates, but in three very different operations. Each is determined to save the extraordinary bank of old-vine Primitivo that has been disappearing fast in Puglia. These vines, many 50 years old and more, are trained in the Alberelli system: free-standing bush vines that develop a hardy, drought-resistant character, but which are much harder to work than wire-trained vines. Right, the 60-year-old Alberelli vines at Morella.I also found time to visit Manduria, stronghold of another of Puglia's most important indigenous grapes, Primitivo. Though rarely planted outside the region's boundaries, Primitivo is the best known of all of Puglia's varieties, because of its close genetic ties to California's Zinfandel. This discovery by The University of California a decade ago led to a flurry of excitement, and even to some producers in Puglia applying - successfully - to be allowed to label their wines as 'Zinfandel'.


Lisa Gilbee is not your typical Pugliese winemaker. An Australian citizen, Lisa trained at Roseworthy as a winemaker and worked for Capel Vale in Margaret River before setting off to Italy, where she travelled and worked in various regions. Ending up in Puglia, she fell in love not once, but twice. Her first love was Gaetano Morella, son of a vineyard-owning family, and her second was the old bush vine Primitivo which at that time disappeared into tankers bound for anonymous blending. "It was criminal," says Lisa.Today Lisa, Gaetano and their two small kids blend their business (Gaetano looks after the vineyards) with an environmentally-conscious lifestyle.

"We treat it like a really large hobby that is also our passion," Lisa tells me, "so we can take our time and make decisions that suit us." One decision they have followed from the outset is to farm organically, and latterly, Biodynamically. "My vines might look uncared for," says Lisa, "but that's part of the philosophy." She goes on to speak of the incredulity expressed by the young winemakers from Australia who come to work with her most vintages, when faced with these straggling, wild looking vines.Morella's first vintage was 2001, with a parcel of 70-year-old Primitivo, but since then they have purchased other small parcels. The couple have also planted new vineyards, but with other varieties including Fiano, not Primitivo. Lisa says that if they want more Primitivo she will only ever buy old bush vine plots, not plant. Clearly preservation of this wonderful material lies at the heart of the Morella philosophy.

the wines of Morella

Morella is sold in the UK by Berry Bros & Rudd. See all stockists on wine-searcher.Morella, Primitivo Old Vines 2007

Lovely nose, with a fine quality of French oak, and very deep-set Morello cherry and black chocolate notes, beautiful impression of natural concentration. Lovely depth on the palate too, retaining some bite and lift, and juiciness in the finish. 92/100.Morella, Primitivo Old Vines 2006
Lots of cedar and sweet fruit here, a touch of raisiny quality, and seems quite light on the palate, and doesn't have the depth or structure of the 2005 or 2007. 89/100.Morella, Primitivo Old Vines 2005
Smokier, more mineral character somehow, with dusty red and black fruits that are very appealing. A sense of bloody ripeness beneath. The palate has a leaner character too, the sinewy character of the tannins and a very pure seam of fruit. This has a delicious edge that runs through it, the acidity and supple tannins playing against the purity of the fruit. Dry and savoury, but charming too. 93/100.Morella, Primitivo Old Vines 2004
The oak takes a further step back in this vintage, adding just an incense-like fragrance, lovely freshness and bite with a cherry ripeness and fine graphite quality. Lovely racy mid-palate and fine, supple tannins on the finish, again dry but charming. 92/100.Morella, Primitivo Old Vines 2003
A very hot but rainy vintage, and there is a touch of raisin quality, but the plush sweetness of the fruit comes through, wrapped in a swirl of smoky cedar but deliciously ripe and intense. The acidity holds on well here too, leaving the finish pure and well-balanced, and really delicious again. 91/100.Morella, Primitivo Old Vines 2001
Delightful spice and smokiness here again, and a definite impression of dusty, cedary character. The fruit has beautiful definition, and the balance is lovely: tannins seem very fine, and there's a delicious finesse and harmony here. Drinking beautifully. 93/100.


This was my second visit to see the excellent 'boutique' operation at Attanasio, though last time had been to their immaculate little cellar in the centre of the city of Manduria. Here, I met up again with Luca Attanasio in a Primitivo vineyard first planted by his family in the 1920s. Luca (pictured) is in charge of vineyards and cellars, whilst his brother Alessandro looks after administration. Their father, Guiseppe, still works in the vineyard at the age of 74.I asked Luca about gaps in the free-flowing, but dense formation of bush vines, and he explains how in the 1960s people tended to replace dead bush vines with French hybrids that were easier to grow and yielded much higher quantities of fruit. Attanasio (and Morella) have simply removed these for now as they did not want them in their ferment.

Like many others, the Attanasios used to sell their grapes to the local co-op, but about 10 years ago they decided to make wine. They are now concentrated on making a small production from just five hectares of these old Primitivo vines. Like Morella, they have also started to farm organically, and whilst Luca says he may try Biodynamic farming in the future, he fears would be particularly difficult and expensive in this tangle of unstructured, closely-spaced vines where everything must be done by hand.

It appears there are currently no UK stockists of Attanasio's wines, but see international sellers, some of whom offer UK delivery, on wine-searcher.Attanasio, Primitivo di Manduria 2007
Dusty blue/black fruit quality. Lots of black plum and cherry juiciness. Tiny touches of clove and some delicate herbal notes in a really quite refined style. Promising. 91/100.Attanasio, Primitivo di Manduria 2006
Beautifully smoky, cedary, very solid fruit quality, lots of glossy depth. The palate is attractively deep and rich too, with a glycerine richness and a full, solid oak underpinning, but not at the expense of the plush, chocolaty fruit pushing through. A slightly more glossy, modern style than the 2006 Morella, but delicious. 92/100.Attanasio, Primitivo di Manduria 2005
Again, the oak is nicely integrated here, but that fine smoky cedar quality is still there. The fruit is fantastic, quite thick, rich and concentrated, but has great depth and natural concentration. Beautiful stuff. 93/100.Attanasio, Primitivo di Manduria 2004
There is plush, ripe, silky fruit and a silkiness to this on the nose, with a chocolaty ripeness and density. Very plush, but the fruit concentration is excellent. Sweet and full, this has great structure for a moderate vintage and a long, pure finish, with plush oak filling in beneath. 92/100.Attanasio, Primitivo di Manduria 2003
Seems really quite light, creamy and breezy on the nose, with cherry ripe aromas and a similarly bright, ripe, black cherry fruit that is super intense and super sweet, but still has that creamy, up-front charm. This seems not to have the same structure as the 2005 or 2006, but is a lovely wine. 90/100.Attanasio, Primitivo di Manduria 2000
Quite gamy and earthy, with a cedary quality and a lift of floral perfume. The palate has an earthy, bloody richness too, that super-sweet fruit dominates still, the smooth tannins and the infilling, only gently cedary oak adding layers to the finish, which is brightly focused through the crisp cherryish acidity. 92/100.

Feudi di San Marzano

As a complete contrast to the two small, family-owned and run estates of Morella and Attanasio, my last visit in Manduria was to the large and very progressive cooperative cellars of San Marzano, whose flagship Primitivo wine 'Sessant'Anni' picked up a top award in the Primitivo category of the 2010 Radici competition.The Cantine San Marzano was founded in 1962, with its cellars geographically in the centre of Manduria. It is composed of 1,200 growers, and the modern, very well-equipped Cantine shares the same mission as Morella and Attanasio to preserve and celebrate the old bush vine Primitivo in the area. To that end they are trying to buy up old bush vine plots as they come on the market.The Cantine's director Mauro Di Maggio (left, pictured deep in the subterranean cellars) told me they are also investing heavily in trying to produce truly crisp, refreshing white wine styles too, because the Salento peninsula is not known for this style, but he believes is it possible, particularly with the Minutolo grape.

San Marzano's wines are with Astrum Cellars and Liberty Wines in the UK, but are quite widely available. See all stockists on wine-searcher.Feudi di San Marzano, Fiano Salento 2009
An IGT wine made from the highly promising Minutolo grape. Ripe pear fruit, a touch of herbs. A little touch of honey and lemon too. Quite pleasantly fresh on the palate. Though not particularly distinctive, this has a nice apple tang and a bit of real zip in the finish. 86/100.Feudi di San Marzano, Primitivo di Manduria 'Sud' 2008
From dry, hot clay soils, this is matured in French and American oak for 5/6 months. A little bit of coffee bean oak, but the cherry and floral-tinged fruit comes through. Quite bold and juicy. The palate has huge sweetness: lots of dry extract creates a slightly cloying character, with very dry tannins too. Concentrated and impressive in its way, but lacks a touch of elegance. 86/100.Feudi di San Marzano, Primitivo di Manduria Sessant'Anni 2005
From old bush vines and selected vineyards on terra rossa soils, rich in iron oxide. Big, ripe, bloody nose: lots of gamy richness to this, and much more character. Plenty of oak (12 months in French and American), but this soaks it up better than the Primitivo 'Sud', with an undeniable opulence on the palate, the intense, almost raisin sweetness pushing through, with a liquorice twist adding grip to the finish. Big, plush and opulent, but the finish does not dry in the same way as the 'Sud'. 91/100.Feudi di San Marzano, Aleatico Dolce 'Liatico' 2008
Aleatico is believed to be a mutation of Muscat. Made from dried grapes, this has a hugely distinctive nose with floral, jasmine-like fragrance and a certain geranium leaf-like green quality. Some fine cherry fruit beneath. On the palate this has delightful sweetness, the bright, soft cherry fruit flooding the palate, with a certain elegance to the tannins and a long, nicely balanced finish with good freshness. Delicious. 90/100.

Pubblicazione a cura di Tom Cannavan sul sito Winepages.com

Cari lettori di questo blog, vi saluto e prendo congedo per qualche giorno. Per l’ennesima volta (è la quinta o sesta quest’anno) me ne scendo nell’amatissima terra di Puglia, alla volta diAltamura e dintorni, per partecipare ad una nuova iniziativa organizzata dal vulcanico Nicola Campanile, il deus ex machina della manifestazione Radici, Festival dei vitigni autoctoni.
L’occasione è la partecipazione, coinvolto nell’ideazione e organizzazione, a quella che Nicola ha voluto battezzare “Radici Wines Experience – Vini, cibi e paesaggi di Puglia e dintorni”.
L’inglese questa volta è di prammatica, perché si tratta di un evento, che si snoderà dal 19 al 22 novembre, “che si propone principalmente di stabilire relazioni commerciali e culturali con nove wine-buyer e cinque wine-writer provenienti da America, Danimarca e Polonia e di continuare a diffondere voglia di Puglia in quei mercati alla ricerca di destinazioni autentiche ed emozionanti”.
Cosa faremo in questi giorni? Il 19 ed il 20 abbiamo previsto una serie di incontri B2B, ovvero Business to Business, tra una quarantina di produttori pugliesi, provenienti dalle diverse aree di produzione, ed i buyer ed i giornalisti stranieri che abbiamo invitato.
Il giorno 19 sarà dedicato alle aziende del Primitivo e dell’Area Salento. Il giorno 20 novembre sarà la volta delle aziende del centro Puglia, di tutta l’area Nord e del Vulture.
Il giorno 21 sarà invece dedicato ad una serie di visite e degustazioni ad alcune significative aziende dell’area di Gravina e Castel del Monte (splendido castello di Federico II  che non mancheremo di andare a visitare), visto che in questa occasione rimarremo nella zona del nord barese, ad Altamura.
Ospitati in una bellissima location, da me già sperimentata quest’estate quando passai tre giorni in compagnia dell’amico e collega Vincenzo Rizzi, a degustare nuovamente, per la realizzazione della guida di Radici, i circa 170 vini pugliesi (più una serie di Aglianico del Vulture) partecipanti all’edizione 2010 di Radici.
Sto parlando della bellissima Masseria San Giovanni – I luoghi di Pitti. Masseria che sarà lo scenario, lunedì 22 novembre, a partire dalle 15.45, di una serie di momenti importanti dedicati ai vini vincitori del Premio Radici 2010, alla presentazione delle tre guide enogastronomiche di Puglia e l’anteprima del nuovo evento Radici del Sud 2011.
Per il primo momento in programma e per tutto lo sviluppo della giornata mi raggiungerà l’amico e collega Luciano Pignataro, responsabile dell’omonimo seguitissimo wine blog, per condurre insieme, dalle 16, una degustazione verticale comparativa di due grandi vitigni del Sud, il Negroamaro e l’Aglianico.
Io proporrò tre annate, 1999, 2000 e 2001, di uno dei vini simbolo della Puglia del vino, ilPatriglione dell’indimenticabile Cosimo Taurino, mentre Luciano ci proporrà sempre 1999, 2000 e 2001 del Taurasi di Contrade di Taurasi.

In contemporanea, Nicola Campanile, presidente dell’associazione Propapilla, illustrerà, insieme agli altri curatori Pizzaviaggiando – guida alle pizzerie di Puglia, alla sua prima edizione.
Alle ore 17,00 sarà la volta di Dolceguida – percorsi enogastronomici di Puglia e dintorni. Nicola Campanile e Vincenzo Rizzi, che ne sono i curatori, illustreranno i tratti innovativi dell’ottava edizione della guida bilingue che ci accompagna alla scoperta delle realtà più autentiche ed accoglienti del mondo della ristorazione pugliese.
Alle ore 18,30 ci sarà la presentazione di Radici Wines – guide on Apulia wines for expert and wine lovers, ideata e curata da Nicola Campanile, quest’anno insieme a Franco Ziliani e Vincenzo Rizzi. Sono previsti gli interventi del Presidente nazionale dell’Associzione Donne del Vino Elena Martusciello, dell’assessore regionale pugliese alla Politiche Agricole Dario Stefàno, e di giornalisti del calibro di Kerin O’Keefe, Charles Scicolone e Gregory Dal Piaz (Usa), Marek Bienczyk (Polonia) e di tutto il gruppo dei wine buyers stranieri per la presentazione del nuovo festival dei vitigni autoctoni Radici del Sud – il concorso degli autoctoni esteso all’intero Sud della penisola.
Progetto ambizioso ma fortemente condiviso e partecipato da numerosi e autorevoli partners istituzionali e pronti a scommettere sul successo dell’iniziativa.
Dalle 20,00 si darà inizio all’assaggio dei 35 vini pugliesi da vitigno autoctono risultati vincitori a Radici 2010 tra i vini 178 in concorso e al ricco evento finale, a cura di sette prestigiosi chef di Puglia, Calabria, Campania e Basilicata: Mario Ottaviano, Trabucco di Peschici (Fg), Peppe Zullo Orsara di Puglia (Fg), Vito Netti Ristorante La Strega di Palagianello (Ta), Domenico Minervini Masseria San Giovanni, Franco Rizzuti Osteria Marconi di Potenza, Pietro Lecce Tavernetta di Camiliatello Silano (Cs) e Raffaele Vitale Casa del Nonno 13 di Mercato San Severino (Sa).
Ciascuno di loro realizzerà, nei suggestivi saloni di Masseria San Giovanni dove infatti saranno allestite sette aree ristorante, una portata a base di uno tra i prodotti più rappresentativi del territorio di pertinenza servita in abbinamento con quello che più si addice dei 35 vini premiati.
I prodotti, inoltre, saranno esposti al pubblico in un’area apposita in modo da poterne raccontare le caratteristiche e i riferimenti alla loro terra d’origine.
Una Puglia, come ama dire Nicola Campanile, “con tanta voglia di cooperare insieme ad altri territori che come lei racchiudono e intendono conservare preziosi patrimoni materiali e culturali, per una affermazione ancora più incisiva del brand “SUD”.
E con un programma così fitto, e con tante occasioni di apprendimento, d’incontro, di conoscenza, in terra pugliese, spero vorrete perdonarmi se per qualche giorno staccherò la spina e non aggiornerò questo blog…

Dopo i filmati  anche scherzosi cerchiamo di mettere qualche punto fermo sull’edizione 2010 di Radici. La manifestazione oramai è rodata ed il format è sicuramente giusto: due giurie (giornalisti da tutto il mondo e esperti locali), metodo di valutazione chiaro, tempi giusti per gli assaggi ed anche per rilassarsi. Il tutto condito da visite in cantina e da un convegno finale che non è mai la solita carrellata di frasi fatte ma anche quest’anno ha avuto un andamento positivamente nervoso e per niente scontato.

Vediamo di dare un giudizio alle varie parti della manifestazione.

Come detto oramai rodata e pronta a rispondere alle più svariate emergenze. Quasi perfetto il servizio vini. Speriamo che il gruppo attorno a cui si è creata l’idea di Radici, rimanga unito e coeso.

l’idea delle due giurie è assolutamente positiva, specie se i due gruppi non vengono definiti di “giornalisti” e di “appassionati” ma “esperti di vino, anche pugliese” e esperti di vino pugliese. Sotto questa dizione crediamo possa crescere Radici nei prossimi anni. Questo porterà ad avere due giurie di eguale valore ed a non considerare il premi conferito dagli “appassionati” di serie B, perché non lo è. In realtà si tratta forse di quello che alle aziende maggiormente concentrate sul mercato locale interessa di più, perché il ristoratore che apprezza un vino, come torna a casa lo compra. Se questo vi sembra poco…. Comunque il meccanismo collegiale funziona in entrambe le giurie e giudizi diversi stanno nella logica delle cose e del mercato.

Raramente ho passato tre giorni di lavoro in un posto tanto bello ed accogliente. Il  Relais Melograno è un posto meraviglioso e trovare di meglio è difficile.



Detto fino allo sfinimento: la Puglia non è terra da bianchi ma alni Minutolo ci fanno pensare che potrebbe anche esserlo, specie con le moderne tecniche di vinificazione. Il problema è che di Minutolo (o Fiano Minutolo) se ne sente quasi di più negli altri vini che nel Minutolo vinificato in purezza. Credo stia succedendo quello cheè successo anche da latre parti in altri periodi. Un uva che si scopre adatta al territorio ed anche di moda, prima di arrivare a soglie significative di ettari, viene utiilzzata come “pepe e sale” per tutti i vini, dandogli così una marca “generale” che serve più a coprire eventuali difetti o carenze che a dare carattere. Così è accaduto, per esemipo, in Abruzzo per il Trebbiano, prima con lo Chardonnay ed ora con il Pecorino. Ovviamente il consiglio è di non cadere in questa trappola, anche se capisco come la voglia di bruciare tappe e presentare prodotti migliori sia tanta.


 Il bombino nero è un buon vitigno per fare rosati ma il Negroamaro è meglio! Questo è in sintesi il discorso. I rosati del Salento sono apparsi più omogenei, più riconoscibili, più apprezzabili dei cugini poco a nord. Questo però non deve essere un viatico liberatorio. Se la puglia vuole rimanere la terra dei Rosati italiani deve fare molto di più, perché la media uscita dagli assaggi non era certo da leccarsi i baffi. Bisognerà rischiare di fare più VINI rosati che rosati da salasso. Più profumi e strutture che riassunti enologici, anche piacevoli.

Nero di Troia

 Rispetto allo scorso anno è uscito molto migliorato dagli assaggi, ma anche molto trasformato rispetto a quello che , almeno io, avevo in testa. Se il Nero di Troia è un vino con tannini importanti e ruvidi, strutture imponenti e profumi non certo da vitigno bordolese, molti di quelli assaggiati provenivano (almeno in parte) da altre varietà. Visto che comunque sono risultati molto piacevoli ed in conseguenza premiati, si dovrebbe dedurre che la strada intrapresa sia quella giusta. Continuando su questa via forse Radici dovrebbe chiamarsi “Festival dei vini autoctoni con dentro altre uve” e forse tutti i discorsi fatti sull’unicità di quest’uva dovrebbero essere buttati al macero. Forse…. Sta di fatto che quei 4-5 produttori che ancora insistono nel vinificarlo in purezza dovrebbero essere premiati, se non altro per la coerenza.

Senza infamia e senza lode il Negroamaro continua a dare buoni risultati, senza picchi. Bisogna anche dire che alcuni dei vini presentati non erano proprio il “Top” di gamma e quindi questo vitigno merita una fiducia superiore rispetto all’esito degli assaggi, che peraltro hanno rilevato, almeno leggendo le mie note un numero piuttosto ampio di vini ( e siamo nel 2010, in piena recessione “parkettistica”) afflitti dalla sindrome di San Giuseppe, alias morbo del falegname, alias uso sbagliato (e/o eccessivo) del legno. Vorrei quindi affermare con forza che per fare dei Negroamaro moderni non occorre semplicemente schiaffarli in legno piccolo, ma iniziare un lavoro diverso dalla vigna per portare in cantina uve che, una volta vino ( se proprio si vuole), potranno maturare in legno piccolo. 


Qui sta, almeno per me, il contendere. Mi aspettavo, specie dai Primitivo di Gioia del Colle conferme ai risultati eclatanti degli scorsi anni ma questi non sono venuti. Spero dipenda da fattori esterni, dall’estrema giovinezza dei vini e non da una stasi produttiva. La mia fiducia in questo vitigno, anche per la zona di Manduria, rimane invariato. Del resto siamo di fronte ad un vitigno che riesce ancora ad esprimersi con un carattere preciso, che sembra resistere bene all’uso del legno e risulta talmente versatile da dare ottimi risultati sia in vini giovani che in prodotti più importanti e con qualche anno di maturazione alle spalle.


Bel risultato generale: tannini austeri e veraci, profondità, grinta, anche eleganza. Si conferma (se ce ne fosse stato bisogno) un grande vitigno. Peccato solo che i campioni non fossero stati di più e che il nostro /mio giudizio non sia stato maggiormente avvalorato. Peccato anche che i vini provenissero tutti dal Vulture: un buon numero di Taurasi avrebbe reso la cosa molto più interessante.

In definitiva un panorama con luci e qualche ombra enologica che torneremo a testare (fuori da Radici) quanto prima.

Si sta muovendo qualcosa nel paese del sole: Se ieri la puglia stava ancora esportando vino economico in tutto il mondo oggi è finalmente alla ricerca dell’alta qualità.


Nicola Campanile attraversa con la sua jeep le strade sterrate e con dossi della Valle d’ Itria. In questo altopiano i produttori di vino di alta qualità lottano per un sostegno da parte delle istituzioni, perchè bisogna cambiare qualcosa in questa regione dove i giovani contadini guadagnano 30-40 centesimi di euro per kg di uva prodotta. Campanile, autore di una guida sul vino, un event manager e uno esperto nel campo del turismo enogastronomico ci presenta 3 viticultori della regione: Pasquale Carparelli Mr. “Minutolo” che prospetta il futuro. Se in futuro non si punterà molto piu sulla qualità e sulla tipicità si rischia di perdere tutte le sfide con i nuovi mercati mondialidice Campanile e preme sull’accelleratoreIl fango delle pozzanghere schizza su tutti i lati, il viaggio attraverso la valle d’Itria diventa un avventura. Persino in Puglia, il paese della primavera eterna come la descrisse Orazio ogni tanto piove, nevica e c’ è la tramontana. Il nome della regione dicono gli uomini del postoprovviene dalla parola latina a-pluvia (senza pioggia). Con 100.000 ettari la Puglia costituisce un ottavo della superficie vinicola italiana e con 7 millioni di ettolitri di vino costituisce il 13 per cento della produzione vinicola del paese.


Varietà di specie

Da sempre in puglia cresce una grande varieta di vitigni che se coltivati in piccole quantità e più vocati alla qualità sono in grado di presentare un potenziale da vini di grande livello. Nel Nord fino a Bari si possono scoprire il Nero di Troia e il Bombino Nero che non sono state apprezzati per lungo tempo a causa della loro acidità. La conoscenza che l allevamento cordone abbia degli esiti positivi sulla qualita dell uva, motiva la nuva generazione di agricoltori a produrre sempre piu vini di specie pure e portare sul mercato vini di classe.



Cosi nascono da Bari, il capoluogo della Puglia, attraverso le pianure del Salento tra l’Adriatico e il mar Ionio, dei rossi moderni e dei rosè molto fruttati  da varietà come Primitivo, Negroamaro, Uva di Troia e Malvasia. Anche i vini bianchi reggono il confronto: il Fiano, un clone della varietà Avellino, Greco, Verdeca, Malvasia Bianca, Bianco d Alessano e il famoso vino dolce Moscato di Trani. Altrettanto variegati si presentano i terreni. Facendo l’occhiolino, la guida turistica fa riferimento al tricolore: verde per gli ulivi, bianco per il calcare e rosso per la terra rossa.


Fieri di nuove scoperte

Gli abitanti della Valle d’Itria a ovest di Fasano sono molto fieri di aver scoperto una nuova specie chiamata Minutolo. Questa specie viene coltivata soltanto in questa regione e ne scaturisce un vino con aroma discreto, minerale, speziato e elegante.

La coltivazione della vigna richiede molta esperienza e competenza cosi sostiene Pasquale Carpanelli, padre del Minutolo. Attraverso la sua passione per il vino, alla fine degli anni 90 scoprì  questo vitigno che ricorda il Fiano e assomiglia molto al Gewuerztraminer. E’ arrivato a coltivare ettari e quest’ anno la specie del Minutolo verrà ufficialmente annoverata come tale anche nei libri di specie. Filippo Cassano, viticultore, ha una filosofia molto chiara che stupisce ed è molto coraggiosa: la produzione di vino in botti di legno pregiudica il colore e sottrae al vino gli aromi fruttati. Per questo motivo nella cantina biologica di 30 ettari fondata solo nel 2000 non si trovano nè botti di rovere nè botti di barrique. Per la produzione del suo vino il giovane viticoltore usa solo ed esclusivamente serbatoi di cromo e acciaio. Con questa novità Cassano è un vero e proprio rivoluzionario della produzione del primitivo che rappresenta il 70% della sua produzione. I risultati dell’ anno 2009 sembrano promettere bene.


La classica in cantina

La famiglia di Pasquale Petrera produce vino a Fatalone in agro Gioia del Colle da 5 generazioni. Insieme a suo padre ha deciso di puntare sulla produzione tradizionale e biologica del vino. Anche lui sa che solo la qualità in termini produttivi porta qualità nella bottiglia. I vini di Petrera, sopratutto Primitivo e Greco, sono prodotti tradizionalmente anche se vengono utilizzati dei metodi molto moderni. Le vigne sono esposte esattamente da nord a sud in modo da garantire l’ottimale irradiazione solare e aerazione. Ghiaia di pietra calcarea protegge il suolo da un’irradiazione solare troppo forte e una volta all’anno viene messo del letame di cavallo nel suolo. Nella cantina l’enologo fa maturare il vino con musica classica. Non conosce ancora l’effetto esatto della musica sul vino però il risultato è un aroma minerale, fruttato.


Angela Kreis-Muzzulini 

Testo nella casella con cartina

La puglia fa parte delle zone vincole piu antiche del mondo. Gia i Fenici e i Greci coltivarono vino in questa regione.

Al contrario delle altre regioni Italiane abbastanze montuase o collinari la puglia ha grandi pianure e altopiani. Aromi conosciuti in questa regione: fiori di arancio, fichi, frutti di bosco, mandorle verdi, miele, balsamico e anche cannella e liquirizia.

La Puglia genuina e autentica conquista e affascina l'Europa. I vini di Puglia accolti calorosamente a Bruxelles

Degustazioni guidate e mirate alla distribuzione di qualità Bruxelles, 23 marzo 2010.

La sede della Regione Puglia, in Rue du Trone, 62, dalla tarda mattinata, ha cominciato a trasformarsi in un brulicante centro di interesse. Come da programma, infatti, alle ore 14,00 sono partite le degustazioni dei vini di Puglia selezionati fra quelli che hanno partecipato all'ultima edizione di Radici - festival dei vini da vitigni autoctoni. I destinatari privilegiati di questo evento sono noti ristoratori, sia cittadini che provenienti da tutto il Belgio, buyer della distribuzione specializzata, giornalisti di settore, esperti ed opinion maker del buon bere, italiani a Bruxelles ed Apulia lovers. “A queste latitudini e con un confinante come la Francia, terra e maestra del miglior bere, il buon vino si fa apprezzare e il vino pugliese, fatto con coscienza e sapienza, aspetta solo di essere valutato e conosciuto, senza temere confronti”, dice Nicola Campanile, coordinatore dell'evento, e continua: “I nostri vini, i vitigni autoctoni di Puglia, sanno riservare grandi sorprese a chi desidera degustarli, aprire il proprio sentire, senza preconcetti, alle sensazioni che sanno suscitare: visive, olfattive, organolettiche, evocative.” Compito delle istituzioni è quello di sostenere le produzioni e la cultura del vino e gli amministratori pugliesi ne danno dimostrazione anche attraverso un appropriato calendario di eventi miranti a creare un sano dialogo fra l'offerta e la domanda. Infatti, all'evento sono presenti circa una quindicina di produttori che sono stati impegnati, durante il pomeriggio, per incontrare e stabilire accordi con i selezionati partecipanti. Utile supporto e strumento di orientamento e consultazione è stato il volume “ Radici Wines – Guide to Apulia wines for experts and wine lovers”che raccoglie le recensioni, curate da tecnici ed appassionati, dei 175 vini che hanno partecipato all'edizione di Radici 2009, presentato e consegnato ai presenti prima dell’inizio delle degustazioni. La guida, in italiano ed inglese, è un compendio di notizie e riferimenti certi su produzioni e aziende ed è stata molto apprezzata ed ambita da tutti. Impeccabili l'accoglienza, l'efficienza del lay-out e i supporti organizzativi, garantiti dalla competente collaborazione del Dott. Casalino, dirigente della sede di Bruxelles della Regione Puglia. Dopo le 18,00 è arrivata una nutrita delegazione di dirigenti parlamentari e appassionati del vino, insieme ad altre personalità cittadine, per una curatissima degustazione di prodotti tipici in abbinamento con i vini autoctoni pugliesi curata interamente da Masseria Barbera di Minervino Murge. Molti italiani residenti a Bruxelles si sono fatti ambasciatori della Puglia con i loro colleghi di altre nazioni in un momento di riuscita convivialità e interessante scambio culturale. Quel che appare evidente, a fine serata, è l'interesse mostrato verso i nostri vini e, ovviamente da intenditori, verso vini di qualità, certamente competitivi anche nella politica dei prezzi, rispetto ad etichette più blasonate, sia italiane che francesi o tedesche. La Puglia ha un suo stile, un carattere fatto di tante preziose sfaccettature, di tanti territori e culture dalle radici profonde che si leggono chiaramente attraverso i suoi vini, e sa farsi amare e desiderare.         Produttori presenti: Gregory Perrucci – Racemi s.r.l. Nadia Tarantini – Azienda agricola Tarantini Marika Grasso – Azienda agricola La Marchesa Rita Baldassarre – Emera / Masseria del Sigillo Nicola Ferri – Cantine Ferri Filippo Cassano – Polvanera Natale del Prete –Azienda Natale del Prete Pasquale Petrera – Azienda Agricola Fatalone Federico Cirillo Farrusi – Torre Quarto Cantine Annalisa Conserva - Santa Maria del Morige Cantine Menhir Facccini Dominic – Masseria l’Astore  D’Alfonso del Sordo Apollonio.

Santa Lucia
2007 Vigna del Melograno 
Castel del Monte Nero di Troia
Earthy on the nose, with assertive herbal top notes over a rich core of juniper-tinged wild blueberry fruit with nuanced medicinal and meat extract tones. Fresh and crisp in the mouth, and while this is rather tannic and even a bit astringent today it really is very well balanced with a pure feeling and fine delivery of savory and fruity elements right through the long finish. 92pts
Find out more.

Cantina Ferri
2008 Oblivio Nero di Troia
$Not Available in the U.S. ($NA), $20 in Italy
Very perfumed with layered notes of pipe tobacco, wet dog, wild berries, spices and a hint of wood. Nice high acid on entry is followed by a tightly focused core of wild berry, lightly grapy fruit. There is a lot of tannin here but the wine remains fairly elegant and has good length. 91pts
Find out more.

Tarantini Petrignana
2008 Nero di Troia
Funky on the nose with notes of leather, hot rocks, perfumed floral notes and some seedy spices. Big and rich in the mouth yet a bit rustic with slightly puckering tannins that accent the black cherry fruit. Really lovely with a freshness to the fruit and aromatic, gently spicy grace notes. 91pts
Find out more.

Antiche Aziende Canosine
2007 Khanus Uva di Troia
Reticent at first then slowly revealing layered notes of carob, menthol, clay soil and dried cherry. Smooth in the mouth with refined tannins yet a muscular style. There’s a lot of depth and power here, giving this an inky feel, all dense and opaque. The tannins build on the finish. An impressive wine but one without much detail or finesse. 90pts
Find out more.

Antica Enotria
2007 Nero di Troia
This has a hint of Band-Aid on the nose but there is also deep, wild blueberry and blackberry fruit topped with sweet licorice tones and a nice tarry overtone. Light and lively on entry with very clear, brisk, wild berry fruit. The tannins here are small-scaled but firm, adding a light bitter underlay to the aromatic, fresh, precise finish. 90pts
Find out more.

2005 Romanico Canosa Riserva Nero di Troia
Really very aromatic on the nose with a deep base of aromatic roots over which are layered notes of oily herbs, pressed flowers, violets and red berry, with top notes of anise and toasted nuttiness. Spicy on entry but then quickly turning sweet and broad in the mouth with woodsy, wild berry fruit, accented with a touch of espresso crema sweetness. The finish is tense and full of sweet fruit that lies over a base of mineral and earthy savory elements. 90pts
Find out more.

Guiliani Raffaele
2007 Gravis Rosso Uva di Trioia
Earthy and spicy on the nose with violet undertones to the dried fruits character. Dusty tannins on entry add a touch of tactile chewiness to the mid-palate. The fruit is nicely fresh with good length and lovely purity. 90pts
Find out more.

Conte Spagnoletti Zeuli
2007 Rinzacco Castel del Monte Nero di Troia
$NA, $15 in Italy
Very floral on the nose and quite intensely aromatic with fine ripe red berry fruits on the nose. Also quite aromatic in the mouth with particularly clear and fresh red plum and raspberry fruit delivered in a sweet, round, easy-to-appreciate style. 89pts
Find out more.

Terre Federiciane
2008 Dragonara Nero di Troia
Spicy on the nose with a touch of dried tomato and good backing spice notes supporting slightly astringent red fruit notes. Very suave in the mouth with lovely balance to the wild cherry and soil-toned fruit. The finish is moderately long with fine balance and complicating notes of tomato and leather. 89pts
Find out more.

Conte Spagnoletti Zeuli
2007 Vignagrande Nero di Troia
$NA, $15 in Italy
Very perfumed with floral and herb stem top notes over slightly wild berry and plum fruits. Juicy in the mouth with wild dark red fruits framed by gentle soil tones finishing with moderate length, revealing a touch of mouthgrabbing tannin. 88pts
Find out more.

La Marchese
2008 Il Nerone
This is very spicy on the nose with tones of cigarbox, cedar, and wood toast. Remarkably light on the palate with fresh plum skin fruit and only modest wood tannins. A rather elegant wine with good length that lacks a little detail but is admirably fresh. 88pts
Find out more.

Antiche Aziende Canosine
2007 Phatos
85% Uva di Troia, 15% Montepulciano
$NA, $15 in Italy
A touch green with a menthol top note over the beefy, toasty accented small berry fruits. Lots of tannin in the mouth but also rich with black cherry fruits that has a noticeable sweetness. Definitely a fruit bomb, though with nice muscular underpinnings. 87pts
Find out more.

Marmo Maria
2007 Rosso Cocevola Nero di Troia
$NA, $15 in Italy
A subtle, refined nose with a base of cedary oak and soft black fruit notes. A bit of a sweet/sour battle happening on the palate, with woody tannins giving this a dry, structured feel. Certainly not fruit-driven and somewhat anonymous, though with nice black fruit emerging on the medium-length finish. 87pts
Find out more.

Marmo Maria
2007 Vandalo Nero di Troia
Big, sweet, spicy oak notes on the nose are joined by cigarbox notes. Nice, bright black fruits are framed in spicy oak that dominates the backend and leads to a short, drying finish. Well made but you have to love oak to like this wine. 87pts
Find out more.

Terra Maiorum
2007 Quercus Nero di Troia
Aromatic with tea leaves accenting the candied, vanilla-sugar sweetened blueberry aromas. Quite refined in the mouth and full of dark fruits but a bit anonymous with a slightly sticky finish rich with sweet, toasty oak accents. 87pts
Find out more.

Terra Maiorum
2007 Maiestatis Nero di Troia
Pretty aromas of dried herbs and grasses accent lovely, crisp, fresh, sweet black fruits with a nice creeping edge of barnyard. A bit acid-driven in the mouth lending nice nervous tension and while this is nicely aromatic it’s a bit ordinary. 86pts
Find out more.

Marmo Maria
2005 Vandalo Nero di Troia
Heavily marked by oak on the nose with cigarbox, smoke and wood spice aromas. Very refined in the mouth with wood tannins and a dry, short, vanilla-tinged finish. Not particularly flavorful, but stylish in a modern way. 86pts
Find out more.

2007 Nero di Troia
Very herbal on the nose with a medicinal quinine overtone. Quite polished in the mouth with sweet, deep fruit, and rather seamlessly structured but lacking a bit of complexity and detail. Comes off as rather workmanlike, getting the job done. 86pts
Find out more.

Santa Lucia
2007 Le More Riserva Nero di Troia
Toasty and spicy top notes on the nose cover gentle blackberry and blueberry tones.  Very refined in the mouth with some wood sweetness coming through early on. The mid-palate shows drying, woody tannins, which control the modest finish as well.  86pts
Find out more.

Alberto Longo
2007 Citerna Nero di Troia
Perfumed with gently stemmy olive and tomato leaf tones on the nose. Bright acids on entry support sweet dark red fruits. This is simple and yet offers up lovely perfumed fruit. Simple though honest and enjoyable. 86pts
Find out more.

Villa Schinosa
2007 Nero di Troia
Pretty aromatics feature lightly herbaceous, candied, herbal wild cherry fruit. Soft and easy in the mouth yet with enough acidity to remain juicy. A bit ordinary. 84pts
Find out more.

Cantina Albea
2007 Lui Nero di Troia
Not particularly aromatic with simple leathery aromas. Good acidity and soft tannins make this easy to drink, though the tannins turn a bit drying on the finish. The fruit is rather anonymous if easy. 83pts
Find out more.

Alberto Longo
2007 Le Cruste Nero Di Troia
Spicy, peppery and herbal on the nose with a certain similarity to Right Bank Bordeaux. Bright acids on entry are quickly subsumed in a sweetly spicy, rather chocolaty mid-palate. This is packed with drying wood tannin. There is some fruit here, but it’s struggling and losing the battle. 80pts
Find out more.